Infrastrutture per la mobilità – finanziamenti per i Comuni con meno di 5000 abitanti

Pubblicato da patriziabaffi il

Interventi di messa in sicurezza e riqualificazione di infrastrutture per la mobilità (link)

Infrastrutture di mobilità

L’iniziativa consiste in finanziamenti a Comuni, fino a 5.000 abitanti, e Unioni di Comuni per interventi di messa in sicurezza e riqualificazione di infrastrutture per la mobilità (strade per la circolazione veicolare, pedonale e ciclabile) e opere connesse alla loro funzionalità.

 

Sono oggetto di finanziamento le seguenti tipologie di interventi:

  • interventi di messa in sicurezza della sede stradale, con particolare riferimento alle intersezioni e a sistemi di protezione dell’utenza debole;
  • completamento, ripristino e protezione di percorsi ciclabili e pedonali, anche in funzione di disimpegno della sede stradale promiscua, con priorità per i percorsi di accesso alle fermate del trasporto pubblico urbano e alle stazioni ferroviarie;
  • interventi finalizzati al ripristino e alla messa in sicurezza di manufatti stradali (quali, ad esempio, ponti, cavalcavia, cavalcaferrovia) con particolare riferimento ai percorsi per la circolazione di veicoli e trasporti eccezionali;
  • interventi sulla sede stradale e relative pertinenze finalizzati alla realizzazione e messa in sicurezza dei percorsi e delle fermate del trasporto pubblico;
  • interventi sulla sede stradale per favorire l’intermodalità e l’interscambio e l’accessibilità al trasporto pubblico per persone a mobilità ridotta.

Non sono ammessi interventi beneficiari di altri finanziamenti regionali, statali o dell’Unione Europea.

Possono presentare domanda:

  • i Comuni lombardi con popolazione residente minore o uguale a 5.000 abitanti (da ultima rilevazione ISTAT disponibile),
  • le Unioni di Comuni che esercitano, per conto dei Comuni, le funzioni di cui all’iniziativa.

 

Caratteristiche dell’agevolazione:

Il finanziamento regionale è a fondo perduto. Il contributo massimo riconoscibile è pari al 70% del costo ammissibile.

Per gli interventi ammissibili l’importo minimo è pari a 10.000,00 €, l’’importo massimo è pari a 100.000,00 €, importo elevato a 200.000,00 € in caso di interventi finalizzati al ripristino e alla messa in sicurezza di manufatti (quali, ad esempio, ponti, cavalcavia, cavalcaferrovia) con particolare riferimento ai percorsi per la circolazione di veicoli e trasporti eccezionali.

 

Le risorse disponibili ammontano a € 3.000.000,00.

 

Modalità  e tempi di presentazione delle domande:

è prevista una procedura valutativa a sportello per via telematica suddivisa in due fasi: la fase di adesione all’iniziativa e di assegnazione ed erogazione del contributo e la fase di rendicontazione dell’intervento realizzato e delle spese sostenute.

La domanda di finanziamento dovrà essere presentata dal Soggetto richiedente, o suo delegato, obbligatoriamente in forma telematica, per mezzo del Sistema Informativo SiAge disponibile all’indirizzo: www.siage.regione.lombardia.it

La domanda potrà essere presentata a partire dalle ore 10.00 del 17 settembre 2018 ed entro le ore 12.00 del 16 novembre 2018 e comunque fino a esaurimento delle risorse disponibili.

 

Ad esaurimento della dotazione finanziaria, verrà consentito l’inserimento di istanze di contributo per la creazione di una lista di riserva, fino a un importo massimo di richieste aggiuntive pari al 100% delle risorse inizialmente stanziate, ossia fino a un importo pari a € 3.000.000,00 . Gli interventi in lista di riserva verranno finanziati in caso di rinuncia o riduzione degli importi necessari alla realizzazione degli interventi già finanziati oppure in caso di rifinanziamento dell’iniziativa.

Categorie: Infrastrutture

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: