Mafie: Giornata della memoria

Pubblicato da patriziabaffi il

“Non solo ricordare ma rilanciare il nostro impegno“

Anche la nostra giornata regionale, come quella nazionale di Libera, non è solo il ricordo delle vittime ma anche l’impegno che riguarda ciascuno di noi nel contrasto a tutte le mafie. Non c’è miglior modo di onorare le vittime che continuare la loro attività, con almeno un po’ del coraggio che loro hanno dimostrato.

È stato bello vedere la sala Gaber di Palazzo Pirelli piena di giovani studenti, insieme alle rappresentanze istituzionali, anche perché il tema di quest’anno, il ricordo dei giornalisti vittime di mafia, è davvero toccante. Come ha sottolineato Nando Dalla Chiesa, infatti, non tutti possono essere magistrati ma tutti possiamo essere promotori di una comunicazione che metta sempre la legalità al primo posto.

Fare memoria è importante per conoscere il fenomeno mafioso e valutarne la pericolosità.

Fare memoria significa ricordare le vittime di mafia, ma anche assumere impegni diretti. La mafia in Lombardia è più che mai presente: è qui che fa affari e sempre più cerca di penetrare nel tessuto socioeconomico in ogni settore.

Fare sistema fra Istituzioni, mondo delle imprese e del lavoro, della cultura e dell’informazione è indispensabile come lo è investire sui giovani, grandi protagonisti della Lombardia del futuro, dando soprattutto testimonianza con una regione capace di mettere in campo azioni di contrasto forti ed efficaci.

La mafia non è solo criminalità, è la negazione di una società giusta e democratica.

Sconfiggerla significa soprattutto difendere la libertà di tutti. La giornata del ricordo delle vittime delle mafie è un appuntamento fondamentale per la vita democratica della nostra regione e ha avuto come sempre protagonisti i giovani delle scuole lombarde.

Una presenza determinante per fornire un contributo al cambiamento culturale verso il fenomeno mafioso che è ormai fortemente radicato nei nostri territori, come ha confermato la ricerca sulla presenza mafiosa in Lombardia condotta dall’università Statale di Milano e da Polis.

Categorie: Generale

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: