Edilizia popolare: Lodi e Pavia fuori controllo

Pubblicato da Patrizia Baffi il

Baffi, Italia Viva: “ALER, a Lodi e Pavia situazione fuori controllo. E la Regione sull’edilizia pubblica si limita al compitino”

“L’assessore Bolognini riferisce nelle sue recenti dichiarazioni di investimenti pari a 50 milioni di Euro a favore dell’Edilizia Residenziale Sociale, senza sottolineare che in realtà quei fondi provengono dal Ministero delle Infrastrutture. In un momento in  cui vi è grande domanda di alloggi popolari, la Regione dovrebbe fare la sua parte, anziché limitarsi ad utilizzare solo le risorse provenienti da Roma”, questo è quanto afferma in una nota Patrizia Baffi, Consigliera regionale di Italia Viva, commentando la delibera 2528, appena approvata dalla Giunta regionale.

Tale delibera prevede un finanziamento statale di 47 milioni di Euro, destinati al recupero e ristrutturazione degli immobili esistenti, nonché alla demolizione e ricostruzione degli stessi, oltreché all’acquisto di nuovi immobili e – in misura residuale – alle nuove costruzioni. L’iniziativa si rivolge alle 5 ALER e ai 53 Comuni lombardi ad alta tensione abitativa, tra cui tutti i capoluoghi di provincia (Lodi e Pavia comprese) ed alcune città come Voghera e Vigevano.

“Sul fronte ALER Lodi-Pavia, i fondi destinati da Regione Lombardia risultano ad oggi inadeguati al risanamento di un bilancio il cui deficit si trascina da anni e appare sempre più strutturale. 

Nel 2015 era stato predisposto un Piano di risanamento che avrebbe dovuto dimezzare l’indebitamento, ma così non è stato: il Piano, pertanto, è stato un evidente fallimento. La delibera 2578, che fotografa la situazione attuale, conferma le difficoltà di ALER, soprattutto in materia di recupero crediti: la morosità degli inquilini è addirittura aumentata dal 16% al 19% e ad oggi risulta pari a quasi 6 milioni di Euro. In questo scenario, sarebbe opportuno che il prossimo Piano preveda un serio supporto tecnico di Regione Lombardia ad ALER.

Le risorse di Regione Lombardia per il futuro andrebbero destinate ad investimenti sul patrimonio immobiliare anziché venire pressoché interamente destinati al ripianamento delle perdite, obiettivo che comunque non viene raggiunto”,conclude la Consigliera Baffi.


0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: