Non si utilizzino RSA per COVID

Pubblicato da Patrizia Baffi il

Baffi (Italia Viva): “La Regione non utilizzi le RSA per i pazienti COVID”

Visto quanto accaduto nei giorni scorsi in diverse Residenze Sanitarie Assistenziali (RSA), ritengo che sia opportuno modificare in tempi rapidi la delibera dell’8 marzo – che indicava le case di riposo tra le strutture abilitate a ricevere i pazienti positivi al COVID dimessi dagli ospedali – individuando strutture più adatte” dichiara il Consigliere Regionale Patrizia Baffi L’allegato 2 di quella delibera prevede che non vi sia alcun obbligo per le RSA di accogliere i pazienti positivi al COVID e che non vi sia promiscuità tra questi ultimi e gli ospiti delle diverse residenze (i quali, come noto, sono particolarmente fragili), ma le cautele adottate non sono sufficienti: è da settimane, infatti, che chiedo con forza che tutto il personale socio-sanitario delle RSA venga sottoposto a tampone e monitorato, così come i pazienti, prosegue l’esponente di Italia Viva.

Consapevole dell’assoluta necessità di liberare posti letto negli ospedali, ho voluto, quindi, inserire la richiesta di individuare altre strutture più adatte dove ricoverare i pazienti ancora positivi dopo che sono stati dimessi, tra le proposte  per la risoluzione sull’emergenza COVID che verrà discussa nella prossima seduta della Commissione Sanità e del Consiglio regionale (previsto per giovedì 16 aprile)”, conclude Patrizia Baffi.


0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: