Caregiver familiare sia ruolo riconosciuto concretamente: in attesa di una norma nazionale, in Regione Lombardia passi importanti sul Progetto di legge regionale dedicato

Pubblicato da Patrizia Baffi il

“Oggi in Commissione Sanità è stato rimesso al centro tutto il valore della figura dei Caregiver familiari per i quali, ferma restando la necessità di una copertura normativa nazionale che ad oggi ancora manca, sono necessarie tutele nel percorso lavorativo e di vita. In Commissione abbiamo presentato il testo del Progetto di legge regionale redatto ed elaborato nei mesi scorsi da un gruppo di lavoro ad hoc di Consiglieri regionali, di cui ho fatto parte. Il testo presentato oggi potrà essere oggetto di emendamenti e verrà votato in Commissione Sanità il 12 ottobre, quindi verrà discusso in Consiglio Regionale per l’approvazione definitiva il 15 novembre. E’ un PDL che rappresenta un passo avanti importante con cui si vuole valorizzare concretamente il ruolo del Caregiver quale attore della rete dei servizi di assistenza, riconoscendone il valore sociale ed economico connesso ai rilevanti vantaggi che trae l’intera collettività”. 

Così Patrizia Baffi, Consigliere Regionale di Fratelli d’Italia, membro della Commissione Sanità di Regione Lombardia e componente del Gruppo di Lavoro dedicato alla redazione del Progetto di Legge Regionale sul Caregiver di Famiglia.

“Oltre alla Proposta di Legge al Parlamento che portiamo avanti affinché il Governo faccia un passo in più rispetto alla Legge 2015/2017 in cui il riconoscimento del profilo del Caregiver è di fatto solo formale – continua Patrizia Baffi – il PDL a cui stiamo lavorando mira a integrare l’attività del Caregiver di famiglia nell’ambito del Sistema Regionale dei Servizi Sociali, Sociosanitari e Sanitari, in una rete che coinvolge Regione Lombardia, ATS, ASST, Comuni, Terzo Settore e Istituzioni scolastiche, definendo le modalità per favorire il riconoscimento e l’integrazione dell’attività del caregiver familiare attraverso strumenti di inserimento e reinserimento lavorativo, specifici attestati di competenza riconosciuti come crediti formativi anche per scuole, università ed enti accreditati alla formazione o al lavoro. E, a margine di tutto questo, Il PDL delinea un costante supporto ai caregiver in termini di accompagnamento, informazione e assistenza”.

“Quando si pensa alle persone anziane o con disabilità – conclude Patrizia Baffi – spesso ci si dimentica dell’importanza dell’ambito familiare, che rappresenta la prima e più rilevante risposta di aiuto di fronte alla non autosufficienza. In Lombardia vivono circa 2 milioni di anziani, 510.000 dei quali sono non autosufficienti, oltre alle persone con disabilità che necessitano di assistenza familiare. A fronte di questa presenza, operano quasi 400mila Caregiver familiari, oltre a chi si occupa dei familiari con disabilità. Parliamo di vere e proprie colonne portanti del comparto assistenziale che non possono continuare a risultare invisibili, in un contesto in cui la popolazione anziana è in costante aumento. Per questo continueremo il percorso normativo in Regione Lombardia, in attesa che il Governo dia un segnale concreto”. 

Milano, 14 settembre 2022


0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: