Alzheimer: nel lodigiano solo 7 posti

Rammarico per  il parziale  riconoscimento dei posti letto nella Rsa  del territorio lodigiano

Regione Lombardia, con la delibera delle regole del 17/12/2018 aveva previsto  per le residenze sanitarie assistenziali  uno stanziamento integrativo di risorse al fine di poter riconvertire  una quota   di posti ordinari in posti  Alzheimer;  e a tal proposito il 18 aprile con avviso pubblico Ats, ha sancito le regole con le quali le strutture potevano richiedere  la riconversione

Per il distretto di Lodi, sulla scorta dei dati epidemiologici,  venivano previsti  nel bando 50 posti aggiuntivi

(altro…)

Autismo: stabilizzazione dei progetti sperimentali, ancora nessuna risposta

Approvata oggi all’unanimità in Commissione Sanità la proposta di risoluzione contenente determinazioni in ordine all’autismo al fine di garantire la piena applicazione dell’art 54 della legge 15 del 2016 per far fronte ad una patologia che si caratterizza con disturbi della socializzazione, della comunicazione verbale e non, dei comportamenti, e delle attività. Oggi grazie alla diagnosi precoce la patologia viene diagnosticata già nei primi mesi di vita e l’intervento tempestivo migliora sensibilmente il reinserimento della persona nel tessuto sociale durante la crescita. Questo però comporta un incremento continuo dei pazienti.

“Spiace che nel dispositivo del testo non si faccia alcun riferimento alla stabilizzazione dei progetti sperimentali”.

(altro…)

Famezero? Raggiungibile se ognuno fa la sua parte

Il 16 ottobre di ogni anno, l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura (FAO) celebra la Giornata Mondiale dell’Alimentazione. L’occasione, per Patrizia Baffi che in Consiglio regionale segue le commissioni Sanità e Agricoltura, per rimettere al centro l’agricoltura e il ruolo che può svolgere nella riduzione dello spreco alimentare e nella promozione di un’alimentazione sana e nutriente per tutti.

“Oggi il numero di persone denutrite è di nuovo in aumento – spiega Baffi, riportando i dati della stessa Fao – sono infatti più di 820 milioni, praticamente una su nove, le persone che nel mondo soffrono la fame, mentre quasi altrettante soffrono di problemi legati a una alimentazione scorretta: 670 milioni sono gli obesi e, di questi, oltre 120 milioni hanno tra i 5 e i 19 anni e 40 milioni non raggiungono i 5 anni.

(altro…)

Autismo: a che punto siamo?

Autismo, Baffi (PD): “A che punto siamo con la stabilizzazione dei progetti sperimentali?”

Vorrei sapere se il gruppo di approfondimento tecnico ha portato a termine i propri lavori e definito le linee di intervento per poter finalmente chiudere la fase sperimentale e determinare i criteri di stabilizzazione dei progetti, permettendo così la programmazione dei servizi sui territori, nell’interesse dei pazienti, delle famiglie e delle strutture che prestano loro le cure”.

(altro…)

Medici veterinari: ancora troppo pochi

Medici veterinari, Baffi (PD): “Nel Lodigiano numeri ancora troppo bassi, la Regione ne prenda atto”

“Nel nostro territorio mancano i veterinari. Non lasciano dubbi i numeri negativi riportati dalle tabelle del fabbisogno dei distretti veterinaria da cui si evince che nell’alto lodigiano servirebbero 18 medici e non si arriva alle 12 unità, e anche nel basso lodigiano, dove ne servirebbero 24, non si arriva alle 12 unità piene”.

Lo afferma Patrizia Baffi, vice capogruppo del PD che in Consiglio regionale segue le commissioni Sanità e Agricoltura, riportando i dati ufficiali del 2018 provenienti dalla direzione sanitaria dell’Ats.

(altro…)

Case popolari: il reddito di cittadinanza influisce sull’Isee?

Case popolari, Baffi (PD): “Bene le risorse per le famiglie bisognose, ma chi riceve il reddito di cittadinanza sarà considerato a reddito zero?”

Se lo chiede Patrizia Baffi, vicecapogruppo del PD in Regione Lombardia, in merito alla delibera, approvata nei giorni scorsi dalla Giunta, che prevede uno stanziamento di 23,7 milioni di euro, destinati a Comuni e Aler, per supportare le famiglie in difficoltà.

“La Regione fa bene a spendere le risorse destinate ai soggetti più deboli, ma coloro che percepiscono il reddito di cittadinanza avranno lo stesso trattamento?” 

(altro…)

Cardiologia riabilitativa: presentati due emendamenti

Codogno, Baffi (PD) torna a chiedere investimenti per la cardiologia riabilitativa

Presentati due emendamenti all’assestamento al bilancio regionale

Patrizia Baffi, vice capogruppo del Pd in Regione, torna a chiedere alla Regione di dare sostanza alla volontà di istituire all’ospedale di Codogno il nuovo reparto di cardiologia riabilitativa, già riconosciuto nel piano organizzativo il 19 novembre 2018 ma ancora non realizzato.

Baffi aveva chiesto lo scorso dicembre di impegnare nel bilancio regionale 2019 le risorse necessarie, meno di 200mila euro, per dotare il reparto della strumentazione necessaria, ma l’assessore Gallera non aveva acconsentito e la maggioranza a trazione leghista aveva rigettato i due emendamenti. Ora l’esponente democratica torna a sollecitare la Regione e ripresenta gli emendamenti all’assestamento al bilancio che sarà discusso in Consiglio regionale giovedì 25 e venerdì 26 luglio.

“l’apertura a Codogno del reparto di cardiologia riabilitativa era un impegno dell’assessore Gallera”

(altro…)

Aler: regione ha un tesoretto

Aler, Baffi (PD): “La regione ha un tesoretto di 198 milioni per le case popolari che va speso fino all’ultimo centesimo”

La Regione non è riuscita a spendere per le case popolari ben 198 milioni di euro della dotazione di 307 milioni che aveva a bilancio per il 2018. Risorse non spese e non impegnate, spostate su un fondo pluriennale vincolato, quindi a disposizione dell’edilizia residenziale pubblica a patto che si proceda alla progettazione degli interventi.

(altro…)

Sanità Lodigiana: più funzioni e risorse

Baffi (PD) scrive al DG dell’ATS: più funzioni e risorse per il direttore del distretto

La vice capogruppo del Pd in Regione Lombardia Patrizia Baffi torna a chiedere più attenzione per la sanità del lodigiano che, nell’ambito dell’Ats della Città Metropolitana rischia di non avere le risposte che merita.

Baffi aveva già avanzato la proposta, un anno fa, di consultare gli amministratori, le parti sociali e gli operatori del comparto sociosanitario del distretto di Lodi per valutare le alternative possibili all’assetto nato con la riforma del 2015 e nel novembre scorso ha ottenuto l’approvazione di un ordine del giorno in Consiglio regionale che dava tempo un anno ai territori della Lombardia con analoghe situazioni di sofferenza per condurre un’analisi approfondita sull’opportunità di apportare variazioni agli assetti attuali.

(altro…)