Trasporto pubblico

Baffi (Italia Viva): “Fase 3, necessario un ampio confronto per ripensare il servizio”

Dopo aver ascoltato con attenzione i rappresentanti delle agenzie del trasporto pubblico lombardo, appare chiaro che siamo di fronte a un cambiamento strutturale del mercato del trasporto pubblico locale e che per affrontare tale cambiamento occorra fin da subito un ampio confronto tra tutte le parti coinvolte: le agenzie, gli utenti, le aziende fornitrici di servizi, gli enti locali, la Regione e il Governo, il cui sostegno economico sarà di fondamentale importanza.” dichiara Patrizia Baffi, Consigliere regionale di Italia Viva, a margine dei lavori della Commissione Territorio di oggi.

Il tema cruciale della seduta odierna, in cui si sono tenute le audizioni con i rappresentanti delle agenzie, è stata la preparazione del sistema del trasporto pubblico alla cosiddetta ‘Fase 3’ dell’emergenza Coronavirus, nella consapevolezza generale che si stia entrando in un periodo transitorio della durata di 1-2 anni. 

(altro…)

Mobilità sostenibile post-emergenza

Baffi (Italia Viva): “Occorre potenziare la mobilità ciclabile per decongestionare il trasporto pubblico nelle città”

Per favorire la ripartenza in sicurezza dopo l’emergenza Covid occorre finanziare da subito con risorse regionali la progettazione di piste ciclabili utili al decongestionamento del trasporto pubblico collettivo all’interno della Città Metropolitana e dei Comuni capoluogo di Provincia e di connessione tra le aree urbane e quelle extraurbane” dichiara l’esponente di Italia Viva “per mettere i Comuni nelle condizioni di poter cogliere prontamente le opportunità offerte dalle risorse già previste dal Governo a livello nazionale e da quelle che verranno rese disponibili dalla Comunità Europea”.

(altro…)

Trasporto ferroviario regionale

Baffi (Italia Viva): “Rinnovo Trenord, i pendolari ci danno ragione: ora la Regione faccia marcia indietro”

Oggi nella Commissione Trasporti del Consiglio regionale della Lombardia sono stati ascoltati in audizione diversi comitati di pendolari, che hanno descritto ai commissari tutti i disservizi che ogni giorno gli utenti lombardi devono subire: guasti, cancellazioni, ritardi dovuti al sovraccarico di numerose linee. In Commissione era presente anche Patrizia Baffi, pendolare anch’essa e Consigliere regionale di Italia Viva, che in una nota ha dichiarato quanto segue:

“Mi ha confortato constatare che i pendolari hanno sottolineato tre criticità che io avevo già sollevato nelle scorse settimane, sia in aula che anche durante la manifestazione di fine gennaio sotto il Pirellone:

(altro…)

Via Mala, approvata la mozione in Regione

Baffi, Italia Viva: “Via Mala, ieri fatto un passo avanti importante”

Sono davvero molto soddisfatta per l’approvazione unanime da parte del Consiglio regionale della mozione da me sottoscritta, che impegna Regione Lombardia a compartecipare alle spese di messa in sicurezza della ex SS della Val di Scalve (più nota come Via Mala). Ora che l’infrastruttura si appresta a passare dalla gestione provinciale a quella di ANAS, è importante che Regione Lombardia faccia la sua parte per rimettere in sicurezza un’arteria di quell’importanza e si attivi affinché ANAS inserisca tra i suoi interventi prioritari la sistemazione di questa strada. Poiché la mozione prevede che il tema venga presto affrontato dalla Conferenza Stato – Regioni, chiederò ai gruppi parlamentari di Italia Viva di dedicare la massima attenzione a questo tema.”

(altro…)

Manifestazione contro Trenord

Baffi, Italia Viva: “Rinnovo Trenord, oggi nasce un fronte ampio e trasversale”

“Sono molto soddisfatta per l’esito della bella manifestazione di stamattina contro il rinnovo della concessione a Trenord, alla quale sono intervenuta.

Si è vista la partecipazione di tanti cittadini e di tanti utenti di un servizio scadente che va rimesso in discussione. Con la manifestazione di oggi nasce un fronte ampio, che va al di là delle singole forze politiche che l’hanno promossa: chi è sceso in piazza oggi lo ha fatto guardando solo al bene comune. Una battaglia che non ha colore politico e che vogliamo allargare sempre più: l’obiettivo è mettere in atto una virtuosa pressione popolare sulla Giunta regionale, che può ancora decidere di bandire una gara pubblica.

da sinistra, Michele Usuelli, Patrizia Baffi e Niccolò Carretta
(altro…)

Trasporto ferroviario regionale

Baffi (Italia Viva): “Trenord, no al rinnovo decennale della concessione”

“Oggi in aula l’Assessore regionale ai Trasporti, Claudia Terzi, ha difeso l’ipotesi di riassegnare il contratto per il trasporto pubblico locale su rotaia a Trenord senza nemmeno passare attraverso una regolare gara d’appalto. Nonostante i disservizi quotidiani subiti da centinaia di migliaia di pendolari, Regione Lombardia è orientata a rinnovare l’incarico per altri 9 anni a 5 miliardi di euro (con un netto aumento dei sussidi che i contribuenti lombardi andranno a versare alla società di trasporto). Indire una gara avrebbe indubbi benefici per i cittadini, per l’imprenditoria italiana e per la stessa Trenord.

(altro…)

Strada provinciale della Val di Scalve: Messa in sicurezza strade ex statali

Baffi, Italia Viva: “Strada provinciale della Val di Scalve, serve un piano regionale per la messa in sicurezza delle strade lombarde”

“La caduta di calcinacci avvenuta pochi giorni fa all’interno di una galleria lungo la strada provinciale ex statale 294 della Val di Scalve mette in luce ancora una volta la necessità che si affronti una volta per tutte il tema della messa in sicurezza delle strade lombarde, da troppi anni abbandonate a se stesse e prive di adeguata manutenzione. Se in precedenza questa situazione era dovuta alla carenza di risorse, ora non è più così: le legge di bilancio 2020 (ai commi 62 e 63), infatti, ha stanziato oltre 8 miliardi di Euro dedicati proprio alla messa in sicurezza e alla manutenzione straordinaria della rete viaria delle Province e della Città Metropolitane.

(altro…)

Treni: inaccettabile rinnovo

Italia Viva: “Trenord, inaccettabile il rinnovo del contratto. Serviva una gara”

Sorprende l’entusiasmo con cui la Giunta regionale lombarda ha riassegnato il contratto per il trasporto pubblico locale su rotaia a Trenord senza nemmeno passare attraverso una regolare gara d’appalto. Parliamo di una società che ha abituato i pendolari lombardi a ritardi importanti e a disservizi quotidiani e che costituisce un pesante ostacolo allo sviluppo di una mobilità regionale sostenibile. Nonostante tutto questo, Regione Lombardia ha scelto di rinnovare l’incarico per altri 9 anni a 5 miliardi di euro (con un netto aumento dei sussidi che i contribuenti lombardi andranno a versare alla società di trasporto). Ricordiamo che Regione Lombardia si trova contemporaneamente ad essere cliente e proprietaria al 50% di Trenord, creando un palese conflitto di interesse che danneggia soprattutto i consumatori e i cittadini che un’istituzione come Regione dovrebbe tutelare.

(altro…)

Disagi nel trasporto pendolari

Baffi, Italia Viva: “Trenord, un servizio indegno della Lombardia. Sono a fianco ai pendolari”

“Quotidianamente mi giungono segnalazioni di disagi di ogni genere da parte dei pendolari che ogni mattina devono affrontare il calvario della linea S1 tra Lodi e Milano. Sono disagi che ben conosco, essendo io stessa una pendolare. Le criticità fondamentali del servizio ferroviario: la linea soffre di ritardi cronici, soprattutto nella tratta tra Rogoredo e Repubblica, cancellazioni, guasti alle carrozze e sovraffollamento. Inoltre, sempre più spesso si segnala la presenza di spacciatori, mendicanti e passeggeri senza biglietto. Tutto questo è dovuto alla carenza di controllori, che spesso restano chiusi in cabina di pilotaggio.

(altro…)