Trasporto ferroviario regionale

Baffi (Italia Viva): “Rinnovo Trenord, i pendolari ci danno ragione: ora la Regione faccia marcia indietro”

Oggi nella Commissione Trasporti del Consiglio regionale della Lombardia sono stati ascoltati in audizione diversi comitati di pendolari, che hanno descritto ai commissari tutti i disservizi che ogni giorno gli utenti lombardi devono subire: guasti, cancellazioni, ritardi dovuti al sovraccarico di numerose linee. In Commissione era presente anche Patrizia Baffi, pendolare anch’essa e Consigliere regionale di Italia Viva, che in una nota ha dichiarato quanto segue:

“Mi ha confortato constatare che i pendolari hanno sottolineato tre criticità che io avevo già sollevato nelle scorse settimane, sia in aula che anche durante la manifestazione di fine gennaio sotto il Pirellone:

(altro…)

Manifestazione contro Trenord

Baffi, Italia Viva: “Rinnovo Trenord, oggi nasce un fronte ampio e trasversale”

“Sono molto soddisfatta per l’esito della bella manifestazione di stamattina contro il rinnovo della concessione a Trenord, alla quale sono intervenuta.

Si è vista la partecipazione di tanti cittadini e di tanti utenti di un servizio scadente che va rimesso in discussione. Con la manifestazione di oggi nasce un fronte ampio, che va al di là delle singole forze politiche che l’hanno promossa: chi è sceso in piazza oggi lo ha fatto guardando solo al bene comune. Una battaglia che non ha colore politico e che vogliamo allargare sempre più: l’obiettivo è mettere in atto una virtuosa pressione popolare sulla Giunta regionale, che può ancora decidere di bandire una gara pubblica.

da sinistra, Michele Usuelli, Patrizia Baffi e Niccolò Carretta
(altro…)

Trasporto ferroviario regionale

Baffi (Italia Viva): “Trenord, no al rinnovo decennale della concessione”

“Oggi in aula l’Assessore regionale ai Trasporti, Claudia Terzi, ha difeso l’ipotesi di riassegnare il contratto per il trasporto pubblico locale su rotaia a Trenord senza nemmeno passare attraverso una regolare gara d’appalto. Nonostante i disservizi quotidiani subiti da centinaia di migliaia di pendolari, Regione Lombardia è orientata a rinnovare l’incarico per altri 9 anni a 5 miliardi di euro (con un netto aumento dei sussidi che i contribuenti lombardi andranno a versare alla società di trasporto). Indire una gara avrebbe indubbi benefici per i cittadini, per l’imprenditoria italiana e per la stessa Trenord.

(altro…)

Treni: inaccettabile rinnovo

Italia Viva: “Trenord, inaccettabile il rinnovo del contratto. Serviva una gara”

Sorprende l’entusiasmo con cui la Giunta regionale lombarda ha riassegnato il contratto per il trasporto pubblico locale su rotaia a Trenord senza nemmeno passare attraverso una regolare gara d’appalto. Parliamo di una società che ha abituato i pendolari lombardi a ritardi importanti e a disservizi quotidiani e che costituisce un pesante ostacolo allo sviluppo di una mobilità regionale sostenibile. Nonostante tutto questo, Regione Lombardia ha scelto di rinnovare l’incarico per altri 9 anni a 5 miliardi di euro (con un netto aumento dei sussidi che i contribuenti lombardi andranno a versare alla società di trasporto). Ricordiamo che Regione Lombardia si trova contemporaneamente ad essere cliente e proprietaria al 50% di Trenord, creando un palese conflitto di interesse che danneggia soprattutto i consumatori e i cittadini che un’istituzione come Regione dovrebbe tutelare.

(altro…)

Disagi nel trasporto pendolari

Baffi, Italia Viva: “Trenord, un servizio indegno della Lombardia. Sono a fianco ai pendolari”

“Quotidianamente mi giungono segnalazioni di disagi di ogni genere da parte dei pendolari che ogni mattina devono affrontare il calvario della linea S1 tra Lodi e Milano. Sono disagi che ben conosco, essendo io stessa una pendolare. Le criticità fondamentali del servizio ferroviario: la linea soffre di ritardi cronici, soprattutto nella tratta tra Rogoredo e Repubblica, cancellazioni, guasti alle carrozze e sovraffollamento. Inoltre, sempre più spesso si segnala la presenza di spacciatori, mendicanti e passeggeri senza biglietto. Tutto questo è dovuto alla carenza di controllori, che spesso restano chiusi in cabina di pilotaggio.

(altro…)

Trenord: aumento del 40% da Tavazzano

Trenord: Baffi e De Vecchi (PD), “Sbagliato cancellare l’abbonamento solo treno, per chi sale a Tavazzano aumento del 40%”

Contro l’aumento di quasi il 40% dell’abbonamento ferroviario mensile Tavazzano Milano si schiera il Partito Democratico, con la vice presidente del gruppo regionale Patrizia Baffi e il responsabile trasporti in segreteria provinciale del Pd lodigiano Stefano De Vecchi.

A partire dal mese di ottobre, infatti, per una decisione unilaterale della Regione, con l’entrata in vigore della tariffa integrata che permette ai pendolari di utilizzare con un solo titolo di viaggio sia il treno che gli altri mezzi pubblici, viene soppresso l’abbonamento “solo treno”.

(altro…)

Treni: troppi disagi

Baffi (PD): “Troppi disagi, rendano gratuito l’abbonamento di settembre”

Troppi i disagi sui treni degli ultimi giorni, il PD chiede alla Regione di dare un segnale ai pendolari. La proposta è semplice: venga offerto loro il servizio gratuito per il mese di settembre o per una mensilità a loro scelta. In tal senso il gruppo regionale ha depositato questa mattina una mozione in Consiglio regionale.

Il PD aveva portato martedì in Consiglio regionale un’altra mozione urgente sul trasporto pubblico e aveva illustrato i disagi con cartelli recanti i dettagli di corse che nella scorsa settimana sono state soppresse o hanno ritardato molto o sono state vissute con particolare disagio dai pendolari. Lega e Forza Italia non hanno acconsentito a mettere in discussione la mozione, non valutandone l’urgenza, nonostante nella stessa giornata la giunta regionale avesse deciso di non procedere al consueto adeguamento tariffario legato all’inflazione perché, così ha detto l’assessore Claudia Terzi, non ci saranno aumenti fino a quando il servizio non sarà dignitoso.

(altro…)

Mozione per raddoppio linea ferroviaria

Milano-Codogno-Cremona-Mantova, Baffi (PD): “Una mozione per accelerare il raddoppio della linea ferroviaria”

“La Regione Lombardia deve chiedere al Governo di finanziare il secondo lotto della linea Codogno-Cremona-Piadena e prevedere, nel contempo, anche l’investimento necessario per l’elettrificazione della linea Parma-Brescia, all’interno del nuovo programma di Contratto con RFI 2022-2026. Inoltre, sempre per quanto riguarda i lavori del primo tratto della Mantova-Cremona-Codogno, previsti nel 2021, chiedo alla Regione di intervenire nei confronti di Rfi per anticipare i tempi per la sua realizzazione e valutare, infine, la possibilità di sottoscrivere un accordo di programma con RFI e gli Enti Locali coinvolti, per seguire da vicino tutte le fasi di questo importante progetto per il nostro territorio”.

E’ quanto chiede il consigliere regionale Patrizia Baffi con una mozione presentata nei giorni scorsi.

(altro…)