Inquinamento aria: pronti incentivi

Pubblicato da patriziabaffi il

Incentivi per la rottamazione dei veicoli inquinanti

Sono finalmente disponibili per i cittadini lombardi fino a 8mila euro di incentivi alla rottamazione dei veicoli inquinanti.

In sede di bilancio, anche attraverso ordini del giorno e emendamenti presentati dalle minoranze in Consiglio, sono state stanziate le risorse, e finalmente anche in Lombardia si è deciso di sostenere i privati cittadini nell’acquisto auto più “verdi”.

Proprio in questi giorni è stata avviata la presentazione delle domande per accedere al bando regionale che prevede, appunto, contributi fino a 8mila euro cumulabili con altri incentivi nazionali. Solo per quest’anno sono stati previsti 5 milioni di euro e le domande si possono presentare a partire da metà ottobre.

“Ma spingere per l’acquisto di autovetture a basse emissioni è solo il primo passo.”

I dati sull’inquinamento dell’aria, che emergono anche dal recente monitoraggio 2019 riferito allo stato di attuazione del Pria, il Piano regionale per l’aria, pur confermando un miglioramento dei valori rispetto al passato, dimostrano come le misure fino a oggi messe in campo da Regione Lombardia non siano da sole sufficienti a superare le gravi criticità che ancora caratterizzano il nostro territorio. E il trasporto su strada risulta tra le sorgenti di emissioni inquinanti più rilevanti in Lombardia.

Nel corso dell’attuale legislatura, abbiamo più volte evidenziato la necessità di accompagnare le azioni già avviate, quali le limitazioni alla circolazione, con ulteriori e diversificate misure. Tra le iniziative proposte, abbiamo richiesto lo stanziamento di risorse per interventi da rivolgere anche ai privati cittadini per favorire la rottamazione dei veicoli inquinanti e la loro sostituzione con veicoli a basse emissioni, auto elettriche comprese. Queste iniziative, così come gli interventi di forestazione urbana, rientrano nelle politiche che possono produrre un duplice beneficio: da un lato migliorano la qualità dell’aria e dall’altro tendono a mitigare il riscaldamento climatico.

Nello specifico, la nostra attività in proposito è iniziata con l’ordine del giorno del 18 dicembre 2018 sull’inquinamento dell’aria e sul “Potenziamento e integrazione delle misure in atto”. Con esso invitavamo la Giunta regionale, nell’ambito del bilancio di previsione 2019-2021, tra le altre cose, a provvedere ad adeguati stanziamenti al fine di “accompagnare gli interventi di limitazione del traffico ai veicoli più inquinanti con incentivi alla rottamazione di tali automezzi, da prevedere non solo per i veicoli commerciali, ma anche per quelli in dotazione ai privati”.

Ed eccoci a oggi e con qualche dettaglio del bando: gli incentivi alla rottamazione sono rivolti a veicoli benzina fino a Euro 2/II incluso o diesel fino ad Euro 5/V incluso, con conseguente acquisto di autovettura a basse emissioni; le risorse sono pari a 18 milioni complessivi (5 milioni sul 2019 e 13 milioni sul 2020); il contributo, fino a 8mila euro, è a fondo perduto e calcolato in base ai livelli di emissione degli autoveicoli. Inoltre, i veicoli ad alimentazione elettrica pura, avendo emissioni pari a zero, hanno accesso al contributo massimo previsto. La procedura per accedervi è valutativa a sportello all’interno di finestre temporali variabili nei periodi compresi dal 15 ottobre al 13 dicembre per il 2019 e dal 15 gennaio fino al 30 settembre per il 2020.

Il venditore è, inoltre, tenuto ad applicare uno sconto di almeno il 12% sul prezzo di listino del modello base o, in alternativa, per i soli veicoli elettrici puri, di un importo pari ad almeno 2mila euro.

Categorie: Ambiente

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: