Reclutamento del personale sanitario

Pubblicato da Patrizia Baffi il

Baffi (Italia Viva): “Avviate le procedure di assunzione di 440 infermieri, ma in Lombardia il reclutamento del personale sanitario deve continuare ad essere la priorità” 

“La seconda ondata dell’epidemia ha messo nuovamente in luce la necessità di agire, oltre che sulle strutture e sulle attrezzature sanitarie, anche e soprattutto sul potenziamento del personale sanitario” dichiara il Consigliere Regionale di Italia Viva Patrizia Baffi a latere dei lavori d’aula di questa mattina.

Ho quindi sottoscritto e sostenuto l’interrogazione con risposta immediata presentata dalle minoranze oggi all’Assessore Gallera per chiedere un aggiornamento sulle procedure di reclutamento del personale sanitario previsto dalla legge 77/2020, che resta tutt’ora una priorità.”

L’Assessore ha confermato che si sta cercando di accelerare le procedure di reclutamento optando per modalità che diano stabilità al personale. Attraverso le ASST sono stati quindi avviati i percorsi di assunzione a tempo indeterminato che porteranno ad incrementare le attuali dotazioni con 440 infermieri aggiuntivi dei 1.600 previsti, entro i prossimi due mesi” evidenzia l’esponente di Italia Viva “Anticipando inoltre che con una delibera all’ordine del giorno della seduta di Giunta regionale odierna saranno destinate risorse all’incremento del servizio ADI”.

La situazione è molto complessa, le persone in questo momento stanno affollando i servizi di Pronto Soccorso anche in presenza di sintomi che potrebbero essere trattati a domicilio” precisa Patrizia Baffi “E’ quindi importante che venga potenziata anche la sorveglianza sanitaria sul territorio e che i cittadini possano essere rassicurati in tal senso” conclude.

La legge di conversione del D.L. 34/2020, n. 77 del 17 luglio 2020, recante “Misure urgenti in materia di salute, sostegno al lavoro e all’economia, nonché di politiche sociali connesse all’emergenza epidemiologica da Covid-19” prevede l’adozione, da parte delle Regioni, di piani di potenziamento e riorganizzazione dei servizi sanitari e della rete assistenziale territoriale e a tal fine sono stanziate dalla legge stessa risorse per l’assunzione del personale, sia con riferimento all’anno 2020, sia con riferimento all’anno 2021. La legge nazionale per l’assunzione del personale sanitario e sociale garantisce interamente le risorse economiche, che ammontano per la Lombardia ad un massimo di Euro 95.914.000,00 per l’anno 2020 e 79.892.000,00 per l’anno 2021.


0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: