Sabato in piazza a Codogno anche per rilanciare l’allarme del comparto agricolo del Lodigiano

Pubblicato da Patrizia Baffi il

“Dopo l’appuntamento di domenica 10 aprile, questo sabato torneremo in piazza XX Settembre, a Codogno, dalle 10 alle 12:30 e oltre a rilanciare i temi del caro benzina, delle cartelle esattoriali e della riforma del catasto, ci faremo portavoce dell’allarme lanciato dal comparto agricolo e sottolineato a gran voce negli ultimi giorni da Giorgia Meloni. La situazione in cui versa il settore agricolo italiano è drammatica. I costi di produzione sono alle stelle e il governo non ha ancora trovato soluzioni efficaci a questa situazione. ”.  

Così Patrizia Baffi, Consigliere Regionale di Fratelli d’Italia e membro della Commissione Agricoltura di Regione Lombardia, in merito al gazebo organizzato dal Coordinamento Provinciale di Fratelli d’Italia Lodi sabato 23 aprile dalle 10 alle 12:30 in piazza XX Settembre a Codogno. 

“Giorgia Meloni, come sempre, parla di problemi reali e di una crisi del nostro comparto agricolo rispetto alla quale il governo non ha ancora trovato soluzioni efficaci – continua Patrizia Baffi -. Dopo aver sottoscritto una risoluzione, approvata in Consiglio Regionale, proprio per stimolare azioni incisive da parte del governo, sabato a Codogno al Gazebo di Fratelli d’Italia, porteremo in piazza anche questo tema, molto importante per il Lodigiano, territorio a vocazione agricola nella regione più agricola d’Italia. Parliamo di una crisi senza precedenti per l’incremento dei costi di produzione. In queste ore c’è stato un ulteriore rialzo delle quotazioni di tutti i prodotti agricoli di base. Dal grano al riso, dalla soia al mais, che raggiunge il record del decennio per le difficoltà dei raccolti nei principali Paesi produttori e degli effetti del conflitto tra Ucraina a Russia con il blocco delle spedizioni dal Mar Nero. Secondo i dati di Coldiretti, un terzo del totale delle aziende agricole italiane è costretto a lavorare in una condizione di reddito negativo per effetto dell’aumento dei costi. Nelle campagne si registrano aumenti dei costi che vanno dal +170% dei concimi al +90% dei mangimi al +129% per il gasolio con incrementi dei costi correnti di oltre 15.700 euro in media ma con punte oltre 47mila euro per le stalle da latte e picchi fino a 99mila euro per gli allevamenti di polli”.

Codogno, 20 aprile 2022


0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: