Ho aderito al Gruppo di Lavoro in Commissione Agricoltura per una Risoluzione volta a prevenire i danni della siccità al comparto agricolo

Pubblicato da Patrizia Baffi il

“Da rappresentante del Lodigiano, territorio a vocazione agricola, ho voluto aderire al Gruppo di Lavoro in seno alla Commissione Agricoltura di Regione Lombardia che avrà il compito di sintetizzare in una Risoluzione condivisa gli input necessari affinché gli effetti devastanti che nel 2022 la siccità ha provocato al nostro comparto agricolo vengano prevenuti in futuro anche attraverso un uso virtuoso e razionale della risorsa idrica. Ho voluto dare la mia disponibilità, convinta che questo Gruppo di Lavoro attraverso l’ascolto del territorio e del comparto agricolo possa essere un valore aggiunto per Regione Lombardia e per il Tavolo regionale per la crisi idrica: i nostri agricoltori hanno subito danni ingenti e un’efficace azione di prevenzione deve diventare sistematica, attraverso lo studio di nuove soluzioni innovative e virtuose con cui provare a limitare nella prossima stagione irrigua le enormi difficoltà che hanno caratterizzato quella di quest’anno”.

Così Patrizia Baffi, Consigliere Regionale di Fratelli d’Italia, che farà parte del Gruppo di Lavoro istituito nella Commissione Agricoltura di Regione Lombardia con l’obiettivo di elaborare il testo di una Risoluzione volta a implementare un utilizzo virtuoso e razionale dell’acqua affinché in futuro il comparto agricolo non debba affrontare la siccità con un approccio solo emergenziale.

“Parliamo di un fenomeno che purtroppo sembra destinato a stabilizzarsi nel tempo – continua Patrizia Baffi –,alla luce di cambiamenti climatici che porteranno nei prossimi anni a eventi di siccità sempre più numerosi e di maggior durata. A fronte di ciò si rendono necessarie risposte efficaci per superare appunto l’approccio unicamente emergenziale, sostituendolo con un metodo improntato alla prevenzione. Il Gruppo di Lavoro mira proprio a evidenziare idee e buone pratiche affinché l’utilizzo e il riuso dell’acqua siano ripensati con un approccio virtuoso, innovativo e lungimirante. Come? Attraverso una programmazione di interventi sistematici di carattere infrastrutturale, con strumenti volti a consentire un approvvigionamento di acqua nei periodi di maggior piovosità e con un sostegno concreto agli Enti locali e ai Consorzi di bonifica per realizzare una politica di salvaguardia del sistema idrico che deve essere efficientato con strumenti innovativi che garantiscano una gestione sempre più oculata della risorsa idrica”.

“Quest’anno non è certamente mancato il massimo impegno da parte di Regione Lombardia – conclude Patrizia Baffi –che ha lavorato insieme ai Consorzi di Bonifica, penso all’importanza del nostro Consorzio Muzza, alle Associazioni agricole e ai Gestori idroelettrici. La dichiarazione di emergenza regionale, le discipline sulle deroghe al deflusso minimo vitale e sul risparmio idrico e gli accordi con gli operatori idroelettrici per il rilascio di acqua dagli invasi a beneficio dell’agricoltura sono risultati concreti ai quali tuttavia in futuro dobbiamo aggiungere un impegno costante orientato al risparmio e al riutilizzo delle risorse idriche e a processi innovativi per l’efficientamento della rete di distribuzione della risorsa idrica per uso irriguo”. 

Milano, 19 ottobre 2022


0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: