260mila Euro alla Provincia di Lodi per sostenere investimenti nelle scuole superiori dopo l’emergenza Covid

Pubblicato da Patrizia Baffi il

“Ammonta a 260mila euro il fondo stanziato in favore della Provincia di Lodi per interventi per la ripresa dell’attività scolastica nel periodo post emergenza sanitaria da COVID-19: è quanto stabilito dalla DGR 7299, con cui la giunta regionale determina i criteri e le modalità per l’assegnazione di risorse per interventi post emergenza Covid negli istituti di istruzione secondaria superiore, in attuazione del Piano Lombardia (Legge regionale 4 maggio 2020 n. 9 “Interventi per la ripresa economica”) che tra i suoi obiettivi ha il sostegno degli investimenti regionali e dello sviluppo infrastrutturale quale misura per rilanciare il sistema economico sociale e fronteggiare l’impatto negativo sul territorio lombardo derivante dall’emergenza sanitaria”.

Così Patrizia Baffi, Consigliere Regionale di Fratelli d’Italia, dopo l’approvazione della DGR 7299 “Piano Lombardia – Criteri e modalità per l’assegnazione alle province lombarde e alla città metropolitana di Milano di risorse per interventi post emergenza covid in riferimento ad aule e spazi didattici degli istituti di istruzione secondaria superiore.

Le risorse stanziate complessivamente per la Lombardia ammontano a 10 milioni di Euro per il biennio 2022-2023 – continua Patrizia Baffi – sono destinate a investimenti di tipo impiantistico infrastrutturale volti al miglioramento della qualità dell’aria, del comfort illuminotecnico, climatico, acustico e contenimento dei consumi energetici in locali ed ambienti utilizzati per la didattica, investimenti per l’allaccio, il collegamento e la cablatura di reti e spazi interni, acquisto di hardware e dispositivi digitali per l’aggiornamento o il potenziamento della dotazione tecnologica interna a supporto della didattica, acquisto di arredi ergonomici ed innovativi che consentano soluzioni ed allestimenti flessibili in funzione della didattica. Si tratta di esigenze sollevate dalle Province e dagli Istituti di Istruzione secondaria di secondo grado, riscontrate anche dalle informazioni rilevate dall’Anagrafe Regionale dell’Edilizia Scolastica ARES”.

L’agevolazione è concessa sotto forma di contributo a fondo perduto – conclude Patrizia Baffi – fino al 100% del valore delle spese ammissibili e la ripartizione tra le province e la Città Metropolitana è stata effettuata sulla base del numero di studenti frequentanti in ciascun territorio provinciale e metropolitano nell’ambito dell’istruzione secondaria superiore. L’erogazione delle risorse avverrà con un acconto del 70% nel momento dell’impegno delle risorse e di un saldo del 30% dopo la presentazione della rendicontazione entro il 15 novembre 2023”. 

Milano, 15 novembre 2022


0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: