Via Mala, approvata la mozione in Regione

Baffi, Italia Viva: “Via Mala, ieri fatto un passo avanti importante”

Sono davvero molto soddisfatta per l’approvazione unanime da parte del Consiglio regionale della mozione da me sottoscritta, che impegna Regione Lombardia a compartecipare alle spese di messa in sicurezza della ex SS della Val di Scalve (più nota come Via Mala). Ora che l’infrastruttura si appresta a passare dalla gestione provinciale a quella di ANAS, è importante che Regione Lombardia faccia la sua parte per rimettere in sicurezza un’arteria di quell’importanza e si attivi affinché ANAS inserisca tra i suoi interventi prioritari la sistemazione di questa strada. Poiché la mozione prevede che il tema venga presto affrontato dalla Conferenza Stato – Regioni, chiederò ai gruppi parlamentari di Italia Viva di dedicare la massima attenzione a questo tema.”

(altro…)

Manifestazione contro Trenord

Baffi, Italia Viva: “Rinnovo Trenord, oggi nasce un fronte ampio e trasversale”

“Sono molto soddisfatta per l’esito della bella manifestazione di stamattina contro il rinnovo della concessione a Trenord, alla quale sono intervenuta.

Si è vista la partecipazione di tanti cittadini e di tanti utenti di un servizio scadente che va rimesso in discussione. Con la manifestazione di oggi nasce un fronte ampio, che va al di là delle singole forze politiche che l’hanno promossa: chi è sceso in piazza oggi lo ha fatto guardando solo al bene comune. Una battaglia che non ha colore politico e che vogliamo allargare sempre più: l’obiettivo è mettere in atto una virtuosa pressione popolare sulla Giunta regionale, che può ancora decidere di bandire una gara pubblica.

da sinistra, Michele Usuelli, Patrizia Baffi e Niccolò Carretta
(altro…)

Rifiuti: ridurre produzione

Baffi, Italia Viva: “Rifiuti, va invertita la tendenza: riduciamo la produzione”

Esprimo soddisfazione per l’accoglimento dei tre emendamenti migliorativi che ho presentato oggi in Consiglio regionale: l’obiettivo principale del nuovo Piano Regionale di Gestione dei Rifiuti deve essere la riduzione della produzione pro-capite”, dichiara la Consigliera Baffi.

Discussa oggi in aula la Proposta di Atto Amministrativo n. 26 ‘Atto di indirizzi ai sensi del comma 3, dell’articolo 19 della L.R. 12 dicembre 2003, n. 26 in materia di programmazione della gestione dei rifiuti e delle bonifiche “Piano verso l’economia circolare”. I tre emendamenti presentati dalla Consigliera Patrizia Baffi di Italia Viva hanno integrato e migliorato i contenuti del testo con riferimento agli impegni già assunti in tema di fanghi da depurazione, alla tutela delle aree di particolare fragilità e rilevanza per il sistema idrico ed alla necessità di individuare misure ambiziose per la riduzione della produzione dei rifiuti.

(altro…)

Disabili: cultura inaccessibile a Monza

Baffi, Italia Viva: “Cultura inaccessibile ai disabili: presto un’interpellanza in Regione” “A Monza le mostre e gli eventi tenuti presso il palazzo dell’Arengario non sono accessibili ai disabili: una situazione inaccettabile, alla quale Italia Viva si oppone a tutti i livelli. Nei prossimi giorni depositerò un’interpellanza con risposta in Commissione per Leggi tutto…

Tutela del suolo agricolo

Baffi, Italia Viva: “Fotovoltaico, servono nuovi limiti per tutelare il suolo agricolo”

“Dopo le notizie recentemente emerse sulla stampa locale in merito alla richiesta di installazione di un nuovo impianto fotovoltaico a Vittadone (che segue gli impianti già operativi a Codogno e Casale), ho deciso di presentare una interpellanza in Consiglio regionale.

In particolare, nel testo chiedo innanzitutto che nel Piano Energetico Ambientale Regionale (PEAR) vengano introdotte limitazioni più stringenti in materia di installazione di impianti fotovoltaici su suolo agricolo. In secondo luogo, chiedo di estendere a tutte le aree agricole le limitazioni oggi previste solo per quelle aree interessate da produzioni agro-alimentari di particolare qualità e tipicità. Infine, visto che io non sono assolutamente contraria all’utilizzo di fonti energetiche rinnovabili, chiedo che vengano introdotti incentivi all’installazione di impianti fotovoltaici nelle aree dismesse da riqualificare, così da ridurre al massimo il rischio di ogni ulteriore riduzione della Superficie Agricola Utile lombarda.”

(altro…)

Trasporto ferroviario regionale

Baffi (Italia Viva): “Trenord, no al rinnovo decennale della concessione”

“Oggi in aula l’Assessore regionale ai Trasporti, Claudia Terzi, ha difeso l’ipotesi di riassegnare il contratto per il trasporto pubblico locale su rotaia a Trenord senza nemmeno passare attraverso una regolare gara d’appalto. Nonostante i disservizi quotidiani subiti da centinaia di migliaia di pendolari, Regione Lombardia è orientata a rinnovare l’incarico per altri 9 anni a 5 miliardi di euro (con un netto aumento dei sussidi che i contribuenti lombardi andranno a versare alla società di trasporto). Indire una gara avrebbe indubbi benefici per i cittadini, per l’imprenditoria italiana e per la stessa Trenord.

(altro…)

Disabili: negato il tavolo

Baffi, Italia Viva “Regione Lombardia nega il tavolo di confronto sulle nuove misure per la disabilità grave e gravissima, ma grazie alla discussione in aula adegua a 600 euro il contributo minimo mensile”

“La Giunta regionale non ritiene di dover rivedere con l’apertura di un tavolo di confronto, i contenuti della delibera con cui ha approvato le nuove misure per la disabilità grave e gravissima lo scorso 23 dicembre, questo quanto sostenuto dall’Assessore Bolognini oggi in aula consiliare, ma su questo tema la discussione non finisce qui” dichiara la Consigliera regionale di Italia Viva, Patrizia Baffi.“Ritengo incomprensibile la posizione di chiusura tenuta oggi dalla maggioranza di fronte alle necessità avanzate in queste settimane da tutte le associazioni che rappresentano il mondo della disabilità a livello regionale”.

(altro…)

Strada provinciale della Val di Scalve: Messa in sicurezza strade ex statali

Baffi, Italia Viva: “Strada provinciale della Val di Scalve, serve un piano regionale per la messa in sicurezza delle strade lombarde”

“La caduta di calcinacci avvenuta pochi giorni fa all’interno di una galleria lungo la strada provinciale ex statale 294 della Val di Scalve mette in luce ancora una volta la necessità che si affronti una volta per tutte il tema della messa in sicurezza delle strade lombarde, da troppi anni abbandonate a se stesse e prive di adeguata manutenzione. Se in precedenza questa situazione era dovuta alla carenza di risorse, ora non è più così: le legge di bilancio 2020 (ai commi 62 e 63), infatti, ha stanziato oltre 8 miliardi di Euro dedicati proprio alla messa in sicurezza e alla manutenzione straordinaria della rete viaria delle Province e della Città Metropolitane.

(altro…)

Disabili: richiesta modifica

Baffi e Noja, Italia Viva “Disabili. Regione Lombardia modifichi subito le nuove limitazioni introdotte ed estremamente peggiorative  per la disabilità grave e gravissima”

Italia Viva chiede fermamente alla Giunta della Regione Lombardia di rivedere la delibera numero 2720 che, nel delineare il Piano Regionale per la non autosufficienza 2019-2021, ha stabilito condizioni peggiorative nell’erogazione degli interventi a favore di persone con disabilità gravissima, tra l’altro, introducendo limiti di accesso e soglie di ISEE socio-sanitario mai previste in precedenza, che riducono notevolmente la platea dei beneficiari” lo dichiarano in una nota congiunta la consigliera regionale di Italia Viva, Patrizia Baffi, e la deputata di Italia Viva, Lisa Noja.

(altro…)

Treni: inaccettabile rinnovo

Italia Viva: “Trenord, inaccettabile il rinnovo del contratto. Serviva una gara”

Sorprende l’entusiasmo con cui la Giunta regionale lombarda ha riassegnato il contratto per il trasporto pubblico locale su rotaia a Trenord senza nemmeno passare attraverso una regolare gara d’appalto. Parliamo di una società che ha abituato i pendolari lombardi a ritardi importanti e a disservizi quotidiani e che costituisce un pesante ostacolo allo sviluppo di una mobilità regionale sostenibile. Nonostante tutto questo, Regione Lombardia ha scelto di rinnovare l’incarico per altri 9 anni a 5 miliardi di euro (con un netto aumento dei sussidi che i contribuenti lombardi andranno a versare alla società di trasporto). Ricordiamo che Regione Lombardia si trova contemporaneamente ad essere cliente e proprietaria al 50% di Trenord, creando un palese conflitto di interesse che danneggia soprattutto i consumatori e i cittadini che un’istituzione come Regione dovrebbe tutelare.

(altro…)