Rischio amianto

Baffi, Italia Viva: “Rischio amianto, la Regione sottovaluta il problema”

Sono delusa per la mancata approvazione di un mio emendamento al bilancio che chiedeva lo stanziamento di 2 milioni di Euro per la rimozione dell’amianto dagli edifici pubblici lombardi. La giunta Fontana continua a sottovalutare la gravità della situazione, nonostante i numeri dell’ultima rilevazione: alla data del 28.02.2018 nella nostra Regione sono stati censiti oltre 207mila siti/strutture private e pubbliche con amianto, per un totale di oltre 5 milioni di metri cubi”, dichiara la Consigliera regionale Patrizia Baffi a margine della seduta del Consiglio regionale dedicato al bilancio 2020.

Il Piano Regionale Amianto della Lombardia (PRAL), entrato in vigore nel gennaio 2006, prevedeva quale  obiettivo strategico dell’eliminazione dal territorio regionale dell’amianto entro la fine del 2015. I dati rilevati nel 2018 evidenziano come sia ancora lontano per Regione Lombardia questo obiettivo e sottolineano l’importanza di un intervento urgente e deciso sul tema, sia in relazione all’edilizia privata che a quella pubblica.

(altro…)

Bilancio Regionale 2020

Italia Viva: IRAP, le nuove misure non bastano. Noi sempre a fianco delle imprese, a Milano come a Roma

Il Consiglio regionale della Lombardia ha approvato un bilancio il cui punto di forza dovrebbe essere la cosiddetta ‘Zero IRAP’. L’idea di azzerare (o quantomeno ridurre drasticamente) una tassa odiosa come quella che grava sulle attività produttive non può che vederci favorevoli, ma il provvedimento adottato è manifestamente incompleto e fortemente iniquo: rimangono esclusi tutti i Comuni con più di 15mila ma meno di 40mila abitanti, ovvero zone ad altissima densità di piccole e medie imprese che avrebbero grandissima necessità di sostegno da parte di Regione Lombardia. Per questo, la misura ‘Zero IRAP’, almeno per come è stata concepita, risulta essere solo una misura spot per la giunta Fontana.

“La nostra proposta è quindi quella di allargare ‘Zero IRAP’ a tutti i Comuni lombardi.”

(altro…)

Rapporto "Lodi Top 200"

Baffi, Italia Viva: “Le imprese a gestione familiare sono la vera forza del territorio: la politica le sostenga!”

“Il rapporto ‘Lodi Top200’ fotografa una realtà territoriale nelle quale convivono elementi positivi e situazioni preoccupanti. In particolare, da un lato troviamo imprese che stanno ottenendo risultati economici importanti, come ad esempio la Zucchetti di Lodi, la Sodalis di Lodi Vecchio e la Stainless di Massalengo, che costituiscono vere e proprie eccellenze del territorio. Dall’altro lato, non possiamo dimenticarci la situazione di crisi in cui versano aziende storiche come la ABB, la Nilfisk o le ex Officine Curioni (oggi controllate dalla multinazionale PaperSystems).

(altro…)

Ex Curioni: grave l’assenza della proprietà in sede istituzionale

Occorre scongiurare i licenziamenti alla Ex Curioni di Galgagnano e garantire gli ammortizzatori sociali”,

Così dichiara la Consigliera Patrizia Baffi, a margine dell’audizione di oggi in Commissione IV Attività Produttive, richiesta dalla stessa il 4 ottobre e sollecitata nelle scorse settimane. “Esprimo grande preoccupazione e l’assenza dell’azienda al tavolo istituzionale aggrava ulteriormente il confronto e non apre ad un’assunzione condivisa di responsabilità a tutti i livelli”.

(altro…)

Centri per l’impiego: assunzioni al palo

Il lavoro ed il conseguente potenziamento dei servizi pubblici per l’impiego dovrebbe essere una priorità nell’agenda politica di Regione Lombardia ed i Centri per l’impiego lo strumento per poter svolgere un ruolo di primaria importanza“, ha dichiarato il consigliere di Italia Viva membro della IV commissione Attività Produttive in Regione Lombardia  a seguito di un’interrogazione presentata oggi in aula di cui è firmataria e relativa allo stato di avanzamento delle procedure legate all’assunzione del personale presso i CPI lombardi.

(altro…)

Ex Curioni: audizione il 7 novembre

Ex Curioni, Baffi (Italia Viva): “Il 7 novembre audizione in Commissione IV”

“L’audizione che avevo richiesto in data 7 ottobre attraverso formale richiesta indirizzata al Presidente della IV Commissione- attività produttive e lavoro di Regione Lombardia, di cui sono componente, dopo ulteriore mio sollecito, avvenuto nella giornata di ieri, è finalmente stata fissata.

Lavoratori, Sindacati e  Assolombarda, oltre ai rappresentanti istituzionali del territorio, saranno auditi giovedi 7 novembre in Commissione

(altro…)

Ex Curioni: chiesta audizione urgente

Ex Curioni, Baffi (PD) ha chiesto audizione urgente per scongiurare rischio esuberi

Regione Lombardia convochi in Commissione un’audizione urgente con i sindacati, Assolombarda, la Provincia di Lodi e il Comune di Galgagnano in merito agli annunciati esuberi – 60 su 83 dipendenti – dell’ex Officine Curioni, oggi di proprietà della multinazionale Barry-Wehmiller.

Lo ha chiesto ufficialmente con richiesta scritta al Presidente della IV Commissione questa mattina Patrizia Baffi, consigliera regionale, vicecapogruppo del PD e componente della Commissione Lavoro e attività produttive, che dichiara: “Nell’esprimere la mia solidarietà a tutti i lavoratori e a tutte le famiglie colpite dalla notizia dei possibili licenziamenti non posso nascondere la preoccupazione per quello che sta avvenendo nel nostro territorio.

“L’ossatura di questa Regione, e del Paese,
è fatta di tante micro e piccole medie imprese”

(altro…)

Incendio di Codogno: Regione mi dà ragione

Baffi (PD): “Regione mi dà ragione: presto linee guida per gli impianti di videosorveglianza”

“Come avevo richiesto, Regione Lombardia colmerà a breve un vuoto rispetto alla prevenzione degli incendi nei siti di deposito dei rifiuti, a proposito dell’installazione degli impianti di videosorveglianza”, lo fa sapere Patrizia Baffi, consigliere regionale del Pd, che, in proposito, ha presentato una un’interrogazione a risposta immediata, trattata stamattina in consiglio regionale, dopo l’incendio che ha colpito un capannone della Ggm Ambiente di Codogno.

“Che iniziative intende mettere in atto Regione Lombardia per introdurre l’obbligo di collocare, negli impianti di stoccaggio di rifiuti, adeguati sistemi di controllo, videosorveglianza e registrazione? – chiedeva Baffi nella question time – L’assessorato ha dato delle risposte nei mesi scorsi, ma c’è ancora tanto da fare. Lo dimostra il fatto che, proprio sul mio territorio, di recente si è sviluppato l’ennesimo incendio. Ci sono ancora tante zone d’ombra. Ad esempio, come nel caso di Codogno, il fatto stesso che quando questi siti vengono visionati c’è sempre qualcosa che non va. Proprio il deposito lodigiano era appena stato controllato dall’Arpa di Lodi e Pavia che aveva disposto nuovi accertamenti”.

(altro…)

Asili nido: mancanza di strutture e costi troppo alti

“In Italia fare le madri è complicato”

Tasso di occupazione femminile tra i più bassi d’Europa, con il 48,8%, abbandono del lavoro che si pone agli stessi livelli, media di figli per donna ferma a 1,3: in Italia fare le madri e lavorare è complicato.

I dati Eurostat parlano chiaro: il 40,8% delle ex lavoratrici dichiara di aver interrotto l’attività per prendersi cura dei figli e circa il 5,6% per dedicarsi alla famiglia. Eurostat dice anche che negli Stati dove le politiche per la famiglia sono priorità, il tasso molto alto di occupazione delle donne (Svezia 74,6%, Norvegia 71,9%) viaggia di pari passo con quello di natalità: Svezia 1,85 figli, Norvegia 1,72. E non è certo un caso, se si guardano i numeri della Lombardia.

(altro…)